Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Fronte Firenze: Alla Fiera dell' Est !!!!!

Iniziato ieri a Scandicci un normalissimo mercato di periferia che chiamano Fiera.
Affermiamo questo in quanto nel corso dei decenni quello che era un fiore all’occhiello della comunità scandiccese si è trasformata in quello che normalmente troviamo nei mercati in periferia di oggi, e cioè prodotti standard di produzione non locale e cineserie varie. Assistiamo infatti, girando per gli stand, ad esposizioni di prodotti peruviani, africani, cinesi e chi più ne ha più ne metta. No cari signori; bloccare una intera cittadina per 8 giorni per installare sul proprio suolo banchi che NULLA hanno a che vedere con l’artigianato locale solamente per motivi di cassa non va bene. La fiera infatti nasce 150 anni fa con caratteristiche proprie del suo tempo; come esposizione e vendita di prodotti locali. Si capisce bene il fatto che i tempi cambiano e le trasformazioni che lo scorrere degli anni impongono debbano essere tenute in considerazione, ma oggi siamo davanti a ben altro. La svendita della stessa manifestazione al Dio denaro appare chiara ed a risentirne, oltre ai cittadini scandiccesi ormai esasperati, sono le stesse aziende ed attività del luogo che magari non possono partecipare alle esposizioni a causa degli altissimi costi richiesti dal comune, vista appunto l’apertura completa ad attività extrafiorentine ed extranazionali. Crediamo fermamente che la fiera debba tornare ad avere caratteristiche locali, dando la possibilità di esposizione solo ad aziende con attività nella provincia fiorentina, per rinvigorire quel che resta di un artigianato locale, distrutto da una politica dissennata e venduta alla grande distribuzione per interesse dei governi nazionali e locali che si sono succeduti negli ultimi decenni. Sul sito internet della fiera troviamo un parere in home page di una fantomatica Emma che dice: “La Fiera di Scandicci mi piace, perchè mantiene ancora quel carattere artigianale, da Fiera di Paese, che a Firenze non esiste più”. Ci chiediamo dove vive questa Emma, quanti anni abbia, e soprattutto in che pianeta vive, visto la distorsione della realtà affermata. Si torni a far divenire la fiera scandiccese una vera festa senza pensare troppo al business; i soldi non pagheranno la qualità della vita e non faranno, come sempre successo, la felicità di nessuno.
 
Pierluigi Pozzi