Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Fronte Campania: Il TTIP.

Il TTIP è un trattato di liberalizzazione commerciale transatlantico che ha l’intento di abbattere dazi e dogane tra Europa e Stati Uniti rendendo il commercio più fluido e penetrante tra le due sponde dell’oceano. L’intento è costruire un blocco geopolitico offensivo nei confronti di Paesi emergenti come Cina, India e Brasile creando un mercato interno tra noi e gli Stati Uniti le cui regole, caratteristiche e priorità non verranno più determinate dai nostri Governi, ma modellate da organismi tecnici sovranazionali sulle esigenze dei grandi gruppi transnazionali (MULTINAZIONALI). Il Trattato prevede l’introduzione di due organismi tecnici potenzialmente molto potenti e fuori da ogni controllo da parte degli Stati e quindi dei cittadini. Il primo, un meccanismo di protezione degli investimenti (Investor-State Dispute Settlement – ISDS), consentirebbe alle imprese italiane o USA di citare gli opposti governi qualora introducessero normative, anche importanti per i propri cittadini, che ledessero i loro interessi passati, presenti e futuri. Le vertenze non verrebbero giudicate da tribunali ordinari che ragionano in virtù di tutta la normativa vigente, come è già possibile oggi, ma da un consesso riservato di avvocati commerciali super specializzati che giudicherebbero solo sulla base del trattato stesso se uno Stato sta creando un danno a un’impresa. Se venisse trovato colpevole, quello stato o comune, o regione, potrebbe essere costretto a ritirare il provvedimento o ad indennizzare l’impresa. Una giustizia privatizzata. Non è l’unica questione. Un altro organismo di cui viene prevista l’introduzione è il Regulatory Cooperation Council: un organo dove esperti nominati della Commissione UE e del ministero USA competente valuterebbero l’impatto commerciale di ogni marchio, regola, etichetta, ma anche contratto di lavoro o standard di sicurezza operativi a livello nazionale, federale o europeo. A sua discrezione sarebbero ascoltati imprese, sindacati e società civile. Tutti i settori di produzione e consumo come cibo, farmaci, energia, chimica, ma anche i nostri diritti connessi all’accesso a servizi come la scuola, la sanità, l’acqua, previdenza e pensioni, sarebbero tutti esposti a ulteriori privatizzazioni e alla potenziale acquisizione da parte delle imprese e dei gruppi economico-finanziari più attrezzati, e dunque più competitivi.(ed è quello che sta accadendo, ndr) E’ in corso un evidente tentativo di genocidio dei popoli che vivono in questa terra. Il trattato di libero scambio tra Europa e Stati Uniti è un trattato evidentemente criminale nei confronti dell’economia europea in quanto è una cessione totale di qualsiasi SOVRANITA’ e controllo dei nostri commerci e della nostra agricoltura. Si avvantaggeranno le multinazionali e si forzeranno i popoli ad accettare cose che non vogliono, gli Ogm, la carne agli ormoni”, mentre gli europei saranno “obbligati a rinunciare alle loro tutele alimentari e alle loro Indicazioni geografiche tipiche, a causa “dell’armonizzazione delle norme di Ue e Usa che una volta accettate non si potranno più cambiare senza l’accordo di tutti i Paesi, cosa che sarà difficile se non impossibile”. Noi del Fronte Nazionale cercheremo, attraverso un massiccia campagna di sensibilizzazione, di informare i cittadini circa gli eventuali danni catastrofici di questo trattato, perchè è giusto ed importate che le persone vengono informate di quanto sta accadendo. Non è più ammissibile che il governo continui a prendere in giro gli italiani! Non più! La conoscenza rende liberi i cittadini e noi faremo di tutto per rendere cosciente il popolo di quanto sta accadendo!
 
Fronte Nazionale Campania
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
342/6880865