Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Il Fronte Umbria in Piazza contro la Pedofilia.

Tutto il direttivo Umbro presente alla manifestazione che si è tenuta sabato 25 a Perugia contro la pedofilia, alla presenza di circa 100 persone. Ad aprire la manifestazione Gloria Volpi Seg. della Sez. di Umbertide del Fronte Nazionale, che ha ricordato alcuni dati, suddivisi in quattro punti: 
Punto1-(L'ANALISI DEL FENOMENO ): Reati di pedofilia si verificano prevalentemente in famiglia,  centri religiosi (seminari, oratori), scuole d'infanzia, associazioni giovanili. Data l'estrema ampiezza delle tipologie di reati, prosegue sempre la Volpi, la diffusione dei reati di pedofilia è da considerare elevatissima. Circa Il 20%  dei bambini subisce molestie sessuali entro i 18 anni. L'attrazione del pedofilo può essere rivolta sia verso i bambini sia verso le bambine, ma sembra prosegue la Volpi, che queste ultime siano le vittime più frequenti (88%). 
Punto2- (PREVALENZA ETEROSESSUALE DEI PEDOFILI). Prosegue ancora la Volpi, i pedofili tenderebbero a modificare le loro attività sociali con i minori, in special modo occupando posizioni che permettono di ottenere agevolmente la fiducia dei bambini e genitori. In particolare un pedofilo adatta la proprie professione alle esigenze sessuali. In particolare ricorda la Volpi che due studi pubblicati sull,American Journal of Psychiatrc Practice, i bambini sviluppano problemi psicologici maggiori quando gli abusi vengono compiuti da figure genitoriali, (amici di famiglia, allenatori).
Punto3- IN ITALIA,  secondo i dati raccolti da Telefono Azzurro e pubblicate nel Rapporto Nazionale sulla Condizione dell'infanzia e dell'adolescenza, quasi il 60% degli abusi sui minori avviene in famiglia. Nel panorama internazionale emerge che in Francia e in Inghilterra i minorenni vittime di abuso sessuale sono molto più numerosi, ma ciò che preoccupa in Italia e il "sommerso": è probabile, che alcune situazioni di abuso non arrivino alla denuncia.
Punto 4. Per quanto riguarda i crimini più efferati, uno studio del Centro Aurora di Bologna (Centro Nazionale per i bambini scomparsi e sessualmente abusati) ha evidenziato che in Italia dal 2004 al 2007 sono scomparsi 3399 minori, non ritrovati nel periodo considerato. Conclude l'intervento del Fronte Nazionale il Commissario Regionale Giuseppe Castelli la quale ricorda che con l'introduzione del nuovo art. 414 bis, c.p., l'istigazione a pratiche di pedofilia e pedopornografia, e punita con la reclusione da un anno e sei mesi a cinque anni. Chiude la manifestazione l'organizzatore Lando Frattegiani del Fronte Sociale per l'Onore d'Italia.