Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Elezioni comune di Roma:l'irragionevole ragionevolezza

Oggi, chiacchierando con un amico delle prossime elezioni romane, è venuta fuori la strana coalizione che si sta formando intorno al nome di Marchini. Coalizione che è partecipata ampiamente da diverse formazioni del centrodestra ed io rimarcavo come trovassi la cosa paradossale. Il mio amico era di parere differente perché "in fin dei conti si tratta di una candidatura ragionevole per poter vincere a Roma". Ora, fermo restando che non sono politicamente di "primo pelo", trovo la cosa più che un errore un orrore; se il mio scopo fosse vincere alle corse potrei puntare sul cavallo che "ragionevolmente" mi permettesse di incassare una vincita ma nel caso di un candidato sindaco, dovesse farcela, io cittadino elettore cosa "incasso"? Marchini è un uomo di sinistra, figlio di "palazzinari" e palazzinaro pure lui fino a varie nomine nelle aziende dello stato (RAI SIPRA etc) insomma un uomo lontano dagli interessi di Roma (i palazzinari avrebbero già fatto troppi danni alla Capitale) oltretutto teoricamente in conflitto con i suoi sostenitori di centro destra. Credo che la "logica candidatura" possa far piacere solo a chi spera in un ruolo da consigliere comunale, assessore o anche solo uno "strapuntino" da dove poter campare per gli anni di legislatura capitolina non certo al cittadino comune che ne ha piene le tasche del vecchio travestito da nuovo. Insomma invito i miei amici romani ad essere irragionevoli, di principio e di non votare solo per vincere le elezioni perché l'elettore non vince se non vota chi vuol veramente cambiare il volto di Roma.

Bruno Laganà