Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Montecatini - La Politica dello struzzo.

La situazione di crisi economica che sta attraversando l'Italia, negli ultimi mesi ha raggiunto picchi preoccupanti tra percentuali di disoccupazione a doppia cifra ed un numero sempre crescente di nuovi poveri. Gli effetti di questa situazione di crisi, sulla salute della società civile, non possono che essere pessimi. Quando persino i bisogni basilari, o primari per dirla con gli economisti, diventano difficili da soddisfare, il rischio del degrado della società aumenta a dismisura. Purtroppo anche la piccola comunità di Montecatini Terme non è stata risparmiata dal degrado sociale e, nonostante da più parti si tenda a nasconderlo, la gente non si sente più sicura. Le infiltrazioni di microcriminalità si sono insediate nella piccola realtà Toscana diventando gradualmente più presente sul territorio. La recente escalation di episodi di teppismo e criminalità, le risse a colpi di bottiglie e gli atti di vandalismo ai danni di tre esercizi commerciali, non può lasciare indifferenti coloro che Montecatini la vivono, la rispettano e la amano. E' innegabile che quello che fino a non molto tempo fa era il salotto buono della Toscana, è diventata una babele, in cui regna il disordine e violenza. Quello che un tempo non troppo lontano era il punto di ritrovo del gotha della mondanità internazionale, oggi è palcoscenico di teppismo e delinquenza e dei bei tempi che furono, rimangono solo le medaglie piantate sui marciapiedi del centro. Una società civile non può permettere che i cittadini avvertano paura e disagio ad uscire di casa. La prostituzione, di cui Montecatini è una delle capitali, è solo la punta dell'iceberg di un problema ben più grande e radicato. Ultimamente la politica sta indirizzando l'opinione pubblica sulla questione dei profughi, una questione seria che merita di essere trattata, con la dovuta attenzione. Tuttavia, la questione dei profughi è lo specchietto per le allodole che distrae la gente dai problemi reali che abbiamo sotto il naso. Puntare il dito accusatorio nei confronti degli stranieri è da qualunquisti, poiché ci sono altrettanti italiani colpevoli di questa situazione. Fare come gli struzzi, nascondere la testa sotto la sabbia per non vedere quello che ci circonda, non aiuta a risolvere i problemi. Solo risvegliando le coscienze della gente e, soprattutto, di chi ci governa, può aiutare a cambiare lo stato attuale delle cose e a riportare la legalità sul territorio montecatinese. In realtà, la cittadinanza è ben cosciente che le cose vanno cambiate e non mancano segnalazioni alle istituzioni cittadine. Circa tre anni fa, fu presentata in comune una richiesta di intervento firmata dai residenti di una stradina lunga non più di 50 metri, situata nella zona sud della città, con divieto di transito per i non residenti. La richiesta consisteva nell'installazione di una telecamera di sicurezza...semplicemente La risposta è stata inizialmente quella di provvedere appena reperiti i fondi (per una spesa davvero irrisoria!) ma, ad oggi, la questione è caduta nel dimenticatoio e nell'indifferenza di una Giunta comunale inadempiente e poco lungimirante. Giunta comunale che, di contro, non ha badato a spese per rifare la piazza centrale. Soldi spesi inutilmente e sottratti alla sicurezza della cittadinanza che si sente abbandonata ed in pericolo. Saremmo curiosi di sapere cosa ne pensa il prefetto di Pistoia, che dovrebbe ricordare al primo cittadino i propri doveri in qualità di ufficiale di governo e le proprie competenze in materia di sicurezza pubblica. Leggo di stagione turistica deludente per Montecatini, una realtà che dovrebbe vivere di turismo! Sarà solo colpa della crisi economica? Probabilmente no, a giudicare dai risultati di altre mete turistiche! La situazione è sulla tavola ed i cittadini meritano risposte concrete!    

Riccardo Muni - Fronte Nazionale Montecatini Terme

http://www.valdinievoleoggi.it/a50345-fronte-nazionale-soldi-spesi-inutilmente-per-piazza-e-biciclette-ma-intanto-i-cittadini-si-sentono-in-pericolo.html