Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Fronte Nazionale, Tilgher: “Chi ha tradito l’Italia deve pagare”

14/04/2015 - L'ultima Ribattuta (http://www.lultimaribattuta.it)
2015-04-14 08.58.33
Non solo dimissioni: anche una condanna per alto tradimento alla nazione, questo è quanto deve attendere gli attuali esponenti della classe politica italiana. “Devono pagare in modo esemplare” è stato il messaggio di Adriano Tilgher, leader del Fronte Nazionale, che ha chiuso la manifestazione svoltasi al cinema Adriano di Roma, domenica scorsa.
Il riferimento era “a quei politici, che hanno svenduto il nostro bel Paese e che oggi dicono ai giovani di andare a trovare un lavoro all’estero: ci vadano loro”. Nella sala in cui erano presenti circa 300 persone tra militanti e simpatizzanti, Tilgher si è rivolto all’attuale premier: “Vada Renzi a fare il presidente del Consiglio a Londra o a Washington, ma è lui che deve lasciare l’Italia, non i nostri giovani, che sono il futuro e che hanno diritto a una prospettiva qui, nella loro Patria”.
Tilgher ha fatto eco alle parole pronunciate poco prima dal leader dei giovani frontisti, Andrea Brizi, secondo il quale “è scandaloso che ragazzi che hanno studiato e si sono laureati nel nostro Paese siano costretti a cercare fortuna all’estero: il 40% dei giovani italiani che emigra sono laureati e questo è inaccettabile”.
All’evento era presente anche Sara Bignardi, la consigliera comunale di Verbania, che ha abbandonato la Lega Nord, per aderire al Fronte Nazionale: “Il progetto di Tilgher – ha spiegato – è l’unico in grado di risollevare davvero l’Italia. Dobbiamo chiudere col passato, metterci alle spalle decenni bui, legati al liberismo e alla schiavitù da banchieri e finanzieri senza scrupoli”.
La sfida del Fronte Nazionale, dunque, è chiara: “Dobbiamo riprenderci l’Italia – ha sottolineato Tilgher – e questa di Roma può e deve essere la partenza di un grande movimento di popolo, che metta al centro i giovani e la meritocrazia. Non siamo qui per una poltrona, ma per l’amore verso la nostra Nazione”.