Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Accanto allo Yemen popolare

Lo Yemen, da sempre crocevia di traffici, religioni e culture, è sotto attacco da una eterogenea e proditoria "coalizione di volenterosi". Dopo almeno tre anni di proteste, portate avanti da sindacati, gruppi di studenti, semplici cittadini, e la contestuale repressione del governo di Hadi (governo filoccidentale eletto democraticamente), il popolo yemenita, capeggiato dai ribelli di etnia Houtni, ha costretto il presidente Hadi a riparere ad Aden, da dove, inutilmente, egli tenta di negare la vitalità del popolo yemenita.
Pur tra i distinguo doverosi, dovuti alla particolare situazione dei paesi mediorientali (dove logiche tribali, etniche e religiose si compenetrano), non possiamo che individuare nei ribelli Houtni (appoggiati dalla maggioranza del popolo yemenita) un entità politica positiva, e soprattutto un altra staffetta nella corsa dei popoli mediorientali per la liberazione dalle cricche filosaudite e criptosioniste.
Subito, infatti, subodorando la possiblità di uno Yemen libero e filo-iraniano, l'Arabia Saudita, legata da sempre agli Stati Uniti, si è lanciata nella repressione della rivolta Houtni. Al suo seguito ha trascinato anche Egitto, Pakistan, Sudan, Qatar, ed altri galoppini del potere dei petrodollari.
Mentre i padroncini sauditi scatenavano le loro forze contro gli zayditi Houtni,anche Inghilterra, Francia e Stati Uniti e il presidente dell'ANP Abu Mazen appoggiavano i bombardamenti criminali. 
Accanto al popolo yemenita, guidato dagli Houtni, si sono schierate Hezbollah e la Siria di Assad, che da anni difendono la Siria contro le bande armate del Capitale. Cina e Russia si sono opposte formalmente all'ingerenza saudita negli affari interni yemeniti.
La posizione del Fronte Nazionale non può quindi che essere una: accanto ai ribelli zayditi Houtni, accanto allo Yemen popolare, contro le petromonarchie i loro lacchè!

Lorenzo Centini
Fronte Nazionale Giovani