Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Debutta in Consiglio il Fronte nazionale

VERBANIA: Si "rimescolano" le carte in Consiglio comunale, in vista della doppia seduta venerdì 27 e giovedì 5 marzo. Mezza Comunità.Vb, Giorgio Tigano, e l'ex-leghista Sara Bignardi si sono costituiti in gruppo formalizzando l'adesione al "Fronte Nazionale", la formazione della de-stra radicale fondata nel 1997 da Adi-rano Tilgher e Tomaso Staiti di Cud-dia. Giovedì 19, in sala giunta, la pre-sentazione a media locali a dare l'an-nuncio insieme a Parachini. Per testimoniare, parole di Tigano, «il rispetto e la piena condivisione dell'azione amministrativa fin qui condotta e da me pienamente condivisa; Marco a mio avviso è il personaggio migliore che abbiamo e avrebbe meritato di più alle ultime elezioni». Tigano sarà il capogruppo. «La mia-ha precisato il neo capogruppo - è una scelta coe-rente con i miei 50 anni di attività pò -litica, sempre dalla parte della destra sociale. Scelgo il Fronte Nazionale perché condivido le idee di Adriano Tilgher e conto di prendere iniziative consiliari in linea con le battaglie nazionali della forza politica cui aderisco». «La scelta di aderire al Fronte Nazionale - ha precisato Bignardi - è maturata dopo la mia uscita dalla Le-ga, e non ha alcuna attinenza con la mia precedente militanza politica. Il progetto politico di Salvini (cui aveva dichiarato di rimanere fedele dopo l'accoglimento delle dimissioni dal Carroccio, ratificate dal direttivo provinciale, ndr)? Non ritengo la li-nea politica attuale della Lega antite-tica a quella del Fronte Nazionale, nonèpiùlaLegadeglianni'90 (quella della secessione, ndr)».

«Per ciò che riguarda la signora - commenta Ro-berto De Magistris, segretario citta-dino della Lega - non è più nei miei pensieri. Ha tutto il diritto di collo-carsi come crede. Per ciò cheriguarda Tigano, ci opporremo adun suo futu-ro inserimento in liste che ci chiede-ranno l'alleanza, visto che ha accetta-to nel suo nuovo gruppo consiliare una transfuga della Lega». «La consi-gliera - aggiungeDeMagistris - spie-gherà la sua incoerenza ai nostri elet-tori che comprensibilmente si senti-ranno traditi, non certo danoi, che da tempo avevamo capito che la nuova arrivata non aveva nulla da spartire con il pensiero del nostro movimen-to. D'altronde non si tratta di una gra-ve perdita, posto che la consigliera, per sua stessa ammissione, non è mai stata in linea con le scelte del movi-mento, ben dimostrato che ora si ri-conosce nel simbolo della fiamma tricolore». «La Lega Nord - conclude - ha partecipato sempre alla vita cittadina, con o senza rappresentanti in Consiglio comunale, azione che continueremo a portare avanti nell'interesse dei nostri concittadini confidando nella correttezza dell'informazione alla quale puntualmente ci rivolgiamo». «Prendo atto della deci-sione di Giorgio - questo il commen-to di Parachini -, comprendo il suo desiderio di andare oltrei confini del-l'impegno strettamente amministra-tivo e di portare in Consiglio i valori in cui crede. Quanto a me, rimango dove sono. Nel direttivo dell'associa-zione Comunità.Vb ad impegnarmi sui temi che erano nel mio program-ma elettorale. Non vado da nessuna parte (intesa come adesione a formazioni politiche organizzate a livello nazionale, ndr)».

Il rapporti con le altre minoranze di centrodestra, Forza Italia? «Non abbiamo preclusioni contro nessuno, ci misureremo sui temi amministrativi e sulle scelte della giunta», risponde Tigano che, sui primi mesi di amministrazione Marchionini, sospende il giudizio: «E' passato troppo poco tempo, attendo il primo bilancio per farmi un'idea. Al momento, l'unica critica che mi sento di fare è all'eccessivo dirigismo del sindaco che lo porta a fare scelte affrettate come ha avuto occasione di sottolineare Parachini a proposito di canile, Beata Giovannina e riordino della polizia municipale».

Mauro Rampinini