Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Reddito minimo garantito

Il Fronte Nazionale chiede che sia urgentemente istituito il "reddito minimo garantito". Il nostro popolo ormai vessato da un governo di strozzini, che attraverso Equitalia espropria i cittadini, uno Stato che continua imperterrito a ricevere e a foraggiare clandestini con il beneplacido di Renzi, Alfano e Grillo. Uno schiaffo che le istituzioni danno ai cittadini italiani onesti che invece a malapena arrivano alla fine del mese e che devono sopportare un dato vergognoso diffuso dal ministero dell'interno: spendiamo quasi 3 milioni di euro al giorno, significa altri 2/3 miliardi di euro buttati all'anno!! Un Paese allo sbando con milioni di disoccupati, aziende che chiudono, altre svendute a prezzi stracciati agli stranieri.
Ed ora l'Istat diffonde dati allarmanti sulla situazione economica delle famiglie italiane.
Il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio povertà o esclusione sociale. Metà delle famiglie vive con meno di 2mila euro al mese. Anziani e meridionali i più poveri
Se guardiamo lo Stivale nel suo complesso le aree più a rischio sono quelle del Meridione, con un rischio del 46,2% (in calo del 3,7%).
Per quel che riguarda il reddito delle famiglie, invece, il 20% dei più ricchi percepisce il 37,7% del reddito totale, mentre al 20% più povero spetta il 7,9%. E anche qui ci sono forti differenze geografiche. Il 37,1% dei residenti al Sud e nelle Isole appartiene alla parte di popolazione più povera. Sempre di questo quinto di popolazione, invece, appartiene il 13,5 dei residenti al Centro e l'11,5% dei residenti al Nord.
Altro dato interessante: metà delle famiglie italiane ha percepito, nel 2012, un reddito netto non superiore al 24.215 euro l'anno, circa 2mila euro al mese. Al Sud si riscontra la situazione peggiore con il 50% delle famiglie che prende meno di 19.955 euro all'anno (1.663 euro mensili). Gli anziani, secondo la rilevazione Istat, hanno un reddito medio di quasi 14mila euro l'anno.
Urge una protezione sociale per le fasce più deboli, come il "reddito minimo garantito", che possa ridare dignità e speranza al nostro popolo.