Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Napolitano: "Se i giovani non trovano lavoro l'Italia è finita". Il Presidente se ne accorge solo ora?

Lo ha affermato Napolitano nel corso della recente visita nella Venezia Giulia.
L’Istat nel report sulla Povertà in Italia, rileva che ci sono 10 milioni di persone che vivono in condizioni di povertà relativa, pari al 16,6% della popolazione. Tra questi 6.020.000 sono poveri assoluti, cioè non riescono ad acquistare beni e servizi per una vita dignitosa (9,9% della popolazione).
I nostri compatrioti si mettono la corda al collo perché non hanno più di che sfamare la famiglia. Il governo prende denaro in prestito dalla banca centrale chiedendolo indietro, con un sistema fiscale predatorio, ai propri cittadini. E' stato dato un colpo mortale ai diritti dei lavoratori gettandoli in pasto a ogni sorta di sfruttatori. Si è deciso di mantenere un immigrato clandestino piuttosto che aiutare un connazionale, perché così vuole la Caritas, Confindustria e i salotti della “sinistra”.
Nel 2002, quando abbiamo adottato la “moneta unica”; nel 1992, abbiamo delegato alla Banca centrale il potere di decidere il tasso d’interesse con cui ci deve essere prestato il denaro; servilmente abbiamo firmato il trattato di Schengen, quello di Maastricht, il Patto di stabilità, il Fiscal compact.
Abbiamo mandato soldati italiani a morire per guerre d’aggressione al seguito degli americani; era stato promesso agli italiani che privatizzando tutto, tutti saremmo stati più ricchi. Ora volete fare cassa, vendendo (anche) le ultime residue partecipazioni dello Stato nelle uniche industrie quasi-ormai-pubbliche che fanno gola agli “investitori” esteri: Eni, Enel, Finmeccanica. Avete ucciso l’agricoltura, avete delegato a una cricca di eurocrati il potere di decidere anche come schiacciare l’uva e come tagliare il grano.
Avete consegnato la nostra vita in mano al potere apolide della finanza, alla dittatura atlantica del capitalismo selvaggio, alla tirannia del pensiero unico, al magma indistinto dell’omologazione, alla perdita di ogni identità.
Questo risultato è sotto gli occhi di tutti. Ma lei Presidente, non si è mai accorto di niente?