Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

In Francia Le Pen in Italia Renzi

Una bella differenza. L’una lotta per la Francia e per la sua liberazione dai vincoli della finanza apolide; l’altro invece è espressione dei poteri forti, dell’alta finanza e vuole continuare l’opera dei suoi predecessori nella distruzione dello stato italiano.
In Francia hanno la fortuna di avere un Fronte Nazionale già efficiente ed operativo che da molti anni lotta per migliorare il sistema di vita dei francesi; in Italia invece la protesta contro la svendita della sovranità è essenzialmente rappresentata da Grillo ed il suo movimento anti identitario che, proprio per questo motivo, non può e non vuole puntare ad un cambiamento di sistema ma vuole solo cambiarne il gestore. Tanto è vero che questo movimento ha sostenuto e contribuito ad approvare le leggi più sovversive e disgregative dell’identità nazionale.
Però gli Italiani ci sono e vogliono cambiare, ci sono gli oltre 20 milioni di Italiani che non sono andati a votare, gli oltre 13 milioni che hanno votato contro di cui 8 sicuramente antisistema e molti di quelli che hanno votato Renzi si sono illusi che le cose possano cambiare senza modificare radicalmente sia il sistema monetario che il metodo di gestione dello stato.
C’è una prateria in Italia che va conquistata e pilotata; serve una classe dirigente capace di ararla e curarla, che possa dare certezze e sappia ricostruire con l’esempio il senso civico ed il valore dell’appartenenza ad una comunità eticamente rigenerata.
Serve insomma ricostruire un Fronte Nazionale che sappia rimettere in campo le battaglie per la sovranità contro il sistema di potere attuale gestito dalle banche e dalla finanza internazionale, che leghi le parti più vitali del popolo italiano e le proietti verso una vera Europa politica, la cui unità è fondamentale per la difesa delle singole identità etno-culturali.
Tutto questo lo devono capire soprattutto quei partiti che sono andati a caccia di voti sfruttando, alcuni con un repentino e mai motivato cambiamento, la scelta anti euro e che oggi inseguono la vincitrice Le Pen, dopo averla snobbata per anni.
E’ una scommessa di civiltà, è la speranza per il futuro che in altre parti d’Europa è già realtà e che presto lo sarà anche per l’Italia affinchè i nostri giovani, le migliori intelligenze e le grandi capacità non siano costretti ad abbandonare la più bella nazione del mondo.

Adriano Tilgher